Seminari

Un nostro obiettivo è di espandere conoscenze ed informazioni sul tratto. Siete interessati? 

 

Organizziamo volentieri delle presentazioni per gruppi!

 

Non esitate a contattarci: Email

 

 

Consiglio!

È consigliato che la PAS faccia un lavoro su sé stessa trovando un sostegno, per esempio atraverso psicoterapie, lavori sul corpo, lavori energetici, Mindfulness (Dr. J. Kabat-Zinn), o altri medoti olistici  che promuovono la consapevolezza. 

Polarity Lavori sul corpo e lavori energetici

Polarity Ticino:                  Eva-Lena Kost Fehlmann, Lugano

 

Polarty Deutschschweiz: gsundlust by gertrud keller Grenchen

 

 

POLARITY PER HSP (PAS)

Volantino Polarity per HSP (PAS) CLICCARE QUI

Il nostro prossimo incontro!

I nostri primi 4 incontri

"Sharing"

"Sharing"; sono dei momenti che trascorriamo insieme, dove siamo guidati a vivere un processo di cammino e guarigione.

 

"Running water clears itself"

 

"L'acqua che scorre si auto purifica"

 

(Dr. Stone)

 

 

Primo incontro:

Come viviamo le 4 proprietà “DOES” (acronimo per PAS)

Secondo incontro:

Le nostre relazioni quotidiane in riferimento a queste qualità

Terzo incontro:

Confini; come li viviamo e come li ridisegniamo

Quarto incontro:

Condividiamo e riassumiamo quanto integrato

 

1)    Nel primo incontro andremo alla scoperta di come ognuno di noi vive o non vive le qualità; “DOES”; la loro influenza su di noi, i loro vantaggi o svantaggi in relazione alle nostre esperienze di vita. Attraverso l’esplorazione di “DOES” ogni sfumatura vissuta dell’alta sensibilità, ci apparirà più chiara. Elaine Aron consiglia la persona altamente sensibile di vivere la sua realtà al posto di cercare continuamente di modificarsi, come spesso accade. Ci avventureremo nelle qualità della persona altamente sensibile per meglio capire chi siamo!

 

2)    Nel secondo incontro, condivideremo le nostre esperienze relazionali in riferimento alle qualità dell’alta sensibilità. Le relazioni sono una tematica vasta, accentuata e ovunque presente in una popolazione dove circa il 20% è altamente sensibile. Osserveremo le caratteristiche della PAS attraverso le nostre capacità, attitudini, cambiamenti, difficoltà, differenze, conflitti, trionfi, maniere di pensare, schemi familiari, la noia, il sentirsi sfruttato, la sensibilità alla critica, il rifugiarsi e altri schemi.  Il viaggio ci permetterà di diventare più coscienti dei nostri funzionamenti, generando così insight preziosi su come viviamo i contesti relazionali!  

 

3)    Nel terzo incontro andiamo ad esplorare i nostri confini. Come dice Rolf Sellin (2014), per riuscire a mettere i propri confini c’è bisogno d’allenamento. Le persone PAS amano la connessione con l’altro, e fanno fatica con i distacchi e a mettere confini chiari e concreti. Nello stesso tempo quando riescono ad essere assertivi, spesso li colma un senso di colpa e di vergogna, creando così un conflitto interno: “metto i miei limiti oppure mi adeguo e soddisfo i bisogni dei altri?”.  Rapporti sani hanno bisogno di confini chiari, altrimenti c’è il rischio di perdersi, o d’assumere la responsabilità altrui. Mediante esperienze formative, faremo qui un passo per costruire ed integrare nuovi confini.

 

4)    Nell’ultimo incontro condivideremo tutti gli aspetti approfonditi. Abbiamo acquisito una maggior consapevolezza di chi siamo? La Persona Altamente Sensibile fiorisce in ambienti favorevoli, e i nostri incontri approfittano di questo vantaggio! Il fatto di dover trovare parole per descrivere esperienze in un ambiente aperto, favorisce e sostiene la crescita personale, ed è trasformativo.  Valuteremo quanto questi corsi ci abbiano arricchiti, e cosa è cambiato.  Quale è stato il vantaggio? Cosa abbiamo integrato e imparato? Quali sono le tematiche rimaste in sospeso, e cosa ci è mancato? Cosa ci portiamo con noi per camminare nel mondo diversamente?!

 

Referenze:

 

E.N. Aron (1998) “The Highly Sensitive Person”, Harmony Books

 

E.N. Aron (1999) “The Highly Sensitive Person’s Workbok”, Broadway Books

 

R. Sellin (2014) “Le persone sensibili sanno dire no”, Kösel-Verlag